C’EST LA VIE – PRENDILA COME VIENE
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Category:
Archivio Cinema

 

 

 

 

 

TRAMA
Max è un wedding planner navigato e logorato alla vigilia di un matrimonio e di una consegna. L’ultima corvée è un ricevimento di nozze nel giardino di un castello del XVII secolo con sposa vaga, sposo pretenzioso, commensali borghesi e un’équipe fedele quanto incompetente. Julien, valletto melanconico innamorato del ‘bel parlare’, James, animatore démodé, Guy, fotografo scroccone, Josiane, amante (im)paziente di Max, Adèle, delfina irascibile di Max, Samy, cameriere clandestino, sono alcuni dei membri di una brigata multietnica occupata a rendere indimenticabile il giorno più bello di Pierre ed Héléna. Niente ovviamente a ndrà come previsto e quelli che dovevano sorvegliare la riuscita dell’evento finiranno loro malgrado per boicottarlo.

Éric Toledano e Olivier Nakache, re del feel-good movie alla francese (Quasi amici), avevano immaginato C’est la vie – Prendila come viene al momento degli attentati del 2015, una reazione vitale per esorcizzare il contesto sepolcrale.

Il principio di piacere è dunque al cuore del film, più leggero, più risolutamente umoristico che i loro precedenti, più convincente. Se il soggetto (il banchetto di nozze) e il suo sviluppo (i fusibili saltano, il piatto principale si guasta, le suocere incanagliscono) sono convenzionali, il punto di vista è originale.

Sottraendosi al regolamento di conti familiari, Éric Toledano e Olivier Nakache seguono l’attività frenetica agita dietro le quinte da una piccola impresa di personaggi mal assortiti e affannati intorno a una cena pomposa che emerge progressivamente le tensioni, i non detti e i disaccordi in seno al gruppo. Commedia corale, che richiama le commedie affollate dei loro debutti, (Primi amori, primi vizi, primi baci, Troppo amici) rimarcabilmente concepite e scritte, C’est la vie cerca i suoi coristi ai quattro angoli del cinema francese